il sito  della rivista AMBIENTECASA pubblica il progetto della casa degli orti anche sui suoi socialnetwork



ecco l'articolo link esterno all'articolo >>




designcontext dedica un articolo alla casa degli orti

Il progetto risponde alla duplice esigenza di riqualificare dal punto di vista energetico un magazzino agricolo disposto su due livelli e direcuperare il piano terra, convertendolo in abitazione per il figlio dei proprietari.


L’appartamento, ampio circa 120 m², è stato completamente rinnovato e rifinito in ogni sua parte; gli spazi razionalizzati e ripartiti attraversoquintealtezze differenziate e ortodossie geometricheaccomunate dal colore beige che, a seconda dell’incidenza della luce, restituisce gradazioni e accenti diversi.

L’ambiente è interamente piastrellato con un pavimento Porcellanosa grigio dall’effetto cangiante e ferroso che, senza interrompersi, si protende verticalmente sulle pareti di fondo della camera e della cucina; mentre la tappezzeria Sans di wall&decò veste tutti i muri di passaggio.

All’ingresso, un tramezzo coperto con materiale ceramico in crosta bianco di Metrowall viene trafitto da una lastra di metallo scuro per soddisfare funzioni e contesti diversi: nella zona di passaggio serve da mensola portaoggetti mentre, al di là della parete fessurata, si trasforma nel piano del tavolo in cucina.

L’ampia zona living, celata da una quinta-libreria luminosa, è caratterizzata dalla parete di fondo in pietra ricostruita Geopietra che “metaforizza” il paesaggio ligure con le tipiche coltivazioni a ulivi.

Per la cucina sono state scelte le note rosse delle due lampade “Campari” di Ingo Mauer e le linee morbide di 6 Panton Chaire di Vitra a contrastare il rigore complessivo, mentre altezze differenti intervengono nella gestione della camera da letto, che è stata ripartita in una cabina armadio e una zona letto vera e propria. Da quest’ultima si accede al bagno padronale che si conclude con una vetrata serigrafata Antonio Lupi attraverso cui si intravede la doccia dalla zona del letto.

giochi di luce sono ricorrenti in tutta l’abitazione e, oltre ad adattarsi a esigenze funzionali con alloggiamenti e tagli particolari, rispondono anche a un modello estetico che intende porre enfasi su alcuni elementi o negarne altri.



Committente: privato

Collaboratori: Manuel Mezzatesta

Consulenti energetica e impiantistica: ing.Roberto Rizzitano, ing. Luca Ferrari

Committente: privato

Anno: 2010-2011

Superficie: 120 m²

Fotografie: Alberto Piovano



Antonella Mazzola




http://www.designcontext.net/topics/tra-gli-orti-liguri-altre-geometrie-disegnano-un-interno-per-single

Nell’Augurarvi Buone Feste e Buon Anno

Vi comunico che lo studio rimarrà chiuso da Lunedi 23 Dicembre 2013 a
Lunedi 06 Gennaio



Giacomo Airaldi